COMUNE DI MONTESILVANO: AVVISO PUBBLICO PER LA EROGAZIONE DI BUONI SPESA O GENERI ALIMENTARI E BENI DI PRIMA NECESSITA’ IN FAVORE DEI RESIDENTI IN STATO DI BISOGNO ECONOMICO A CAUSA DELL’EMERGENZA COVID-19.
::.. ARTICOLO
Anmic Pescara

Articolo pubblicato il 03-04-2020

COMUNE DI MONTESILVANO: AVVISO PUBBLICO PER LA EROGAZIONE DI BUONI SPESA O GENERI ALIMENTARI E BENI DI PRIMA NECESSITA’ IN FAVORE DEI RESIDENTI IN STATO DI BISOGNO ECONOMICO A CAUSA DELL’EMERGENZA COVID-19.

CITTÀ di MONTESILVANO

(Provincia di Pescara)

AVVISO PUBBLICO

PER LA EROGAZIONE DI BUONI SPESA O GENERI ALIMENTARI E BENI DI

PRIMA NECESSITA’ IN FAVORE DEI RESIDENTI IN STATO DI BISOGNO

ECONOMICO A CAUSA DELL’EMERGENZA COVID-19.

PREMESSO CHE:

• nel quadro della situazione economica determinatasi per effetto dell’emergenza COVID-19, il Capo del Dipartimento della Protezione Civile ha emesso l’Ordinanza n. 658 del 29 marzo 2020;

• In relazione a tale Ordinanza, con delibera di Giunta comunale n. 78 del 31.03.2020, eseguibile, è stato approvato il disciplinare per l’assegnazione del buono spesa a favore di persone o famiglie In condizione di disagio economico e sociale;.

SI RENDE NOTO CHE

Definizioni

1. Ai fini del presente avviso si intendono:

a) per “soggetti beneficiari”, i nuclei familiari in possesso dei requisiti qui di seguito riportati;

c) per “buono spesa,” il titolo spendibile per l’acquisto di generi alimentari, negli esercizi commerciali aderenti nel Comune di Montesilvano pubblicati sul sito internet comunale.

Soggetti beneficiari

1. Possono beneficiare del buono spesa i soggetti che risultino nelle seguenti condizioni, da intendersi cumulative:

a) nuclei familiari, residenti nel Comune di Montesilvano, che non risultino titolari, di misure di sostegno al reddito a carattere pubblico (sovvenzioni, contributi, reddito di cittadinanza, ammortizzatori sociali ossia cassa integrazione o assegno di disoccupazione) e/o di redditi, di qualsiasi natura, da lavoro e/o da capitale, in misura complessivamente superiore a € 800 netti (nucleo familiare con 1 o 2 componenti), € 1.000 netti (nucleo familiare con 3 e 4 componenti) o € 1.200 netti (indipendentemente dal numero dei componenti, nucleo familiare con componente in situazione di handicap grave ai sensi dell’art. 3, comma 3, legge 5.02.1992, n. 104 ovvero affetto da comprovata invalidità civile non inferiore all’80% per il caso di insorgenza di condizioni di non

autosufficienza).

b) nuclei familiari che non risultino titolari di conti correnti attivi e/o disponibilità liquide e/o titoli e/o conti di deposito bancari o postali e/o forme di disponibilità monetarie di importo complessivo superiore a € 10.000,00.

I nuclei familiari che versino in dette condizioni dovranno meglio specificare:

• di essere titolare di partita iva e/o impresa individuale e di avere subito un consistente e comprovato calo del proprio fatturato in conseguenza della restrizione della propria attività professionale o imprenditoriale operata in attuazione delle disposizioni adottate dall'autorità competente per l'emergenza coronavirus.

• di aver subito la sospensione del lavoro per effetto delle disposizioni emanate al Presidente del Consiglio dei Ministri ovvero dai vari Ministeri ovvero dal Governatore della Regione Abruzzo a causa dell’emergenza coronavirus;

• di aver subito la riduzione dell’orario di lavoro corrispondente ad una riduzione almeno pari al 20% dell’orario complessivo per effetto delle disposizioni emanate al Presidente del Consiglio dei Ministri ovvero dai vari Ministeri ovvero dal Governatore della Regione Abruzzo a causa dell’emergenza coronavirus.

• di versare in una condizione di indigenza o di necessità individuata dai servizi sociali, per numerosità del nucleo familiare, presenza di minori, eventuali componenti con disabilità o in condizione di non autosufficienza o ultrasettantacinquenni, situazioni di fragilità recate dall’assenza di reti familiari e di prossimità, situazioni di marginalità e di particolare esclusione, etc., e quindi di versare in stato di bisogno

2. Il reddito di cui al comma 1, lett. a) è da intendersi reddito netto percepito nell’intervallo temporale dal 1° marzo 2020 alla data di presentazione della domanda.

3. In caso di insufficiente disponibilità delle risorse l’ammissione al beneficio risponderà al seguente ordine di priorità:

- soggetti che non hanno alcun reddito né risultano assegnatari di sostegno pubblico (come previsto nella Ordinanza 658/2020);

- condizione di indigenza o di necessità individuata dai servizi sociali, per numerosità del nucleo familiare, presenza di minori, eventuali componenti con disabilità o in condizione di non autosufficienza o ultrasettantacinquenni, situazioni di fragilità recate dall’assenza di reti familiari e di prossimità, situazioni di marginalità e di particolare esclusione, etc.

Importo del buono spesa

1. L’importo del buono spesa sarà così determinato:

COMPOSIZIONE DEL NUCLEO FAMILIARE IMPORTO

1 componente € 100

2 componenti € 200

3 componenti € 300

4 o più componenti € 400

indipendentemente dal numero, nucleo familiare con componente in situazione di handicap grave ai sensi dell’art. 3, comma 3, legge 5.02.1992, n. 104 ovvero affetto da comprovata invalidità civile non inferiore all’80% per il caso di insorgenza di condizioni di non

autosufficienza € 400.

Tempi e Modalità di presentazione domanda.

1. I nuclei familiari dovranno presentare apposita istanza, utilizzando esclusivamente il modello all’uopo predisposto entro e non oltre il termine di venerdì 3 aprile 2020, ore 24:00.

2. Le istanze potranno essere presentate esclusivamente per via telematica con l’apposita procedura guidata presente sul sito: http://servizi.comune.montesilvano.pe.it/covid19/ indicando l’esercizio commerciale o gli esercizi commerciali presso cui si intende spendere il buono.

3. L’ammissione al beneficio verrà comunicata a ciascun beneficiario tramite e-mail.

4. I buoni spesa potranno essere ritirati secondo le indicazioni che verranno fornite al momento della comunicazione di cui sopra.

Modalità di utilizzo del buono spesa.

Gli esercizi commerciali aderenti all’iniziativa sono pubblicati sul sito internet :

http://servizi.comune.montesilvano.pe.it/covid19/.

All’atto della formulazione della domanda dovrà essere indicato l’esercizio o gli esercizi commerciali ove ritirare/consumare il buono.

Verifica dell’utilizzo del buono.

1. L’Amministrazione potrà provvedere alla verifica della veridicità delle dichiarazioni rese in sede di istanza, provvedendo al recupero delle somme erogate ed alla denuncia all’Autorità Giudiziaria ai sensi dell’art. 76 del DPR 445/2000 in caso di false dichiarazioni.

Varie

Il bonus alimentare è volto ad integrare il reddito familiare per quanto attiene alla gestione della spesa di generi alimentari in costanza della situazione di emergenza epidemiologica in atto.

L’amministrazione comunale si riserva di assumere ogni ulteriore provvedimento tenuto conto anche dell’andamento della procedura di assegnazione del beneficio e delle esigenze che potranno emergere. Sono esclusi dall’erogazione del suddetto bonus i nuclei familiari non rientranti tra i beneficiari così come sopra definiti.

Trattamento dati personali.

Tutti i dati di cui verrà in possesso l’Amministrazione comunale saranno trattati nel rispetto del Regolamento UE 2016/679.

Informazioni.

Per ogni ulteriore informazione, gli interessati potranno rivolgersi dal lunedì al venerdì dalle ore 09,00 alle ore 16,00:

• al seguente numero: 085-4481216 ;

• indirizzo mail: coc@comune.montesilvano.pe.it



Fonte: Comune di Montesilvano

01 Aprile 2020

  Condividi