AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO E NATURA GIURIDICA DELL'INDENNITA' EX ART.379 CODICE CIVILE
::.. AVVOCATO
Anmic Pescara

Articolo pubblicato il 24-11-2014

AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO E NATURA GIURIDICA DELL'INDENNITA' EX ART.379 CODICE CIVILE

Il compenso dell'amministratore di sostegno č disciplinato dall'art.379 cod.civ., con riferimento all'art.411, comma 1, c.p.c. dettato in tema di interdizione e per il quale l'"ufficio tutelare č gratuito": tuttavia,il Giudice Tutelare, considerando l'entitą del patrimonio e le difficoltą dell'amministrazione, puņ assegnare al tutore un'equa indennitą.

Pertanto, il riferimento alla gratuitą dell'ufficio, fa ritenere che l'indennitą erogata non debba essere assoggettata a tassazione (diretta o indiretta) perchč non avente natura remunerativa e non erogata in sostituzione di altra categoria di redditi, come richiesto dall'art.6, comma 2, del TUIR. L'equa indennitą alla quale fa riferimento la nroma č, infatti, erogata allo scopo di tenere indenne il destinatario delle "perdite" patrimoniali subite in conseguenza dello svolgimento dell'incarico e mira a risarcire l'incaricato per la sua distrazione dalle occupazioni quotidiane a prescindere che si tratti di occupazioni remunerate a titolo di lavoro dipendente o ad altro titolo.

La stessa Suprema Corte di Cassazioen, con Sent. n.7355/1991 č intervenuta sull'istituto dell'indennitą, prevista dal secondo comma del menzionato art.379 cod.civ., in deroga alla regola della gratuitą dell'ufficio tutelare, rilevando che "indennitą non vuol dire corrispettivo, nč equivalente monetario delle energie profuse, ma semplice ristoro. Per cui la Corte non ha dubbi nel qualificare, come indennitą l'importo dovuto".

Alla luce di quanto sopra, conformemente si č pronunciata altresģ, la Commissione Tributaria Provinciale di Trieste, Sezione II, che chiamata a decidere su ricorso, in data 18.03.2014 ha confermato che l'indennitą ex art.379 cod.civ., non deve essere assoggettata ad alcuna tassazione, nč diretta nč indiretta, poichč non ha natura remunerativa e non č erogata in sostituzione di altra categoria di redditi, come richiesto dall'art.6, comma II del TUIR.

  Condividi